12 stabilimenti in Italia, 26 centri di distribuzione,
3 impianti produttivi nel mondo

INALCA è il principale produttore privato europeo nel settore delle carni bovine. Da anni è impegnata a costruire un modello di business sempre più sostenibile, a partire dalle attività di allevamento, fino alla distribuzione al consumatore dei prodotti alimentari.
INALCA presidia l’intera filiera produttiva delle carni bovine, dall’allevamento al prodotto finito, ed opera con successo sui mercati internazionali che negli ultimi anni hanno trainato lo sviluppo della società: circa il 50% del fatturato infatti proviene dalle attività estere. Nel 2016, a seguito principalmente dell’acquisizione del Gruppo UNIPEG – Assofood, è aumentata in modo significativo la quota di fatturato sviluppata a livello nazionale.

L’intero settore della produzione può contare su 12 stabilimenti in Italia, di cui 9 dedicati alla lavorazione e trasformazione delle carni bovine e 3 alla produzione di salumi e snack, oltre a 3 poli zootecnici. All’estero è invece presente con 26 centri di distribuzione, 3 impianti produttivi nel Mondo, oltre a 25 piattaforme di IF&B in USA, Australia, Capo Verde, Tailandia, Hong Kong, Cina, Malesia, Messico e Isole Canarie.
Tutti gli stabilimenti utilizzano moderne tecnologie di produzione ed innovativi sistemi di sicurezza che consentono all’azienda di essere all’avanguardia nelle metodologie di controllo, nei programmi di filiera e nei processi di identificazione ed etichettatura delle carni. L’ubicazione strategica degli impianti di macellazione nel cuore della Valle Padana, dove si concentra oltre il 60% del patrimonio zootecnico italiano, rappresenta un significativo vantaggio competitivo.

550.000 le tonnellate di carne trasformate e commercializzate ogni anno

Un assortimento completo di carni bovine

INALCA produce e commercializza un assortimento completo di carni bovine, fresche e surgelate, confezionate sottovuoto e in atmosfera protettiva, elaborati pronti, carni in scatola (Montana e Manzotin) ed estratti di carne. Sono oltre 550.000 le tonnellate di carne trasformate e commercializzate ogni anno dall’azienda, di cui 100.000 tonnellate di hamburger e 200 milioni di scatolette di carne. INALCA, grazie alla sua forte vocazione internazionale, opera con successo in numerosi stati dell’Unione Europea, Europa dell’Est e Africa, tanto che oggi il 35% del fatturato proviene da questi mercati.

Stabilimenti e aziende in Italia

26 piattaforme all’estero

All’estero INALCA è quindi presente con 26 centri di distribuzione tra Russia e Africa, dislocati in sei paesi (Angola, Algeria, Congo, Repubblica Democratica del Congo, Mozambico e Costa D’Avorio) e, prossimamente, con ulteriori 2 piattaforme in Kazakistan e Russia. Inoltre nelle piattaforme di Luanda, Kinshasa e Algeri, INALCA possiede impianti per la lavorazione e trasformazione di prodotti a base di carne, mentre in Russia vanta uno stabilimento all’avanguardia a Odintsovo, alla periferia di Mosca, per la produzione di hamburger, e un impianto di macellazione a Orenburg, al confine con il Kazakistan, che permette di presidiare l’intera filiera produttiva. Sono inoltre in costruzione 2 importanti impianti in Polonia e a Cuando Cubango (Angola).

Scopri gli stabilimenti e le aziende all'estero